Archivio tag: venezia

Radici perdute a Napoli e a Venezia

Share Button

radici_perduteIl calendario dell’Associazione Koesis – Punto su Napoli per il Maggio dei Monumenti 2011, patrocinato dall’Assessorato al Turismo, Grandi Eventi e Pari Opportunità del Comune di Napoli, presso l’Associazione Culturale Koesis di Napoli in Via Luigia Sanfelice n. 2, Napoli-Vomero,  martedì 3 maggio 2011, alle ore 17.30, prevede l’incontro con lo scrittore e pittore Franco Santamaria che, dialogando con il poeta e critico letterario Antonio Spagnuolo e il prof. Vittorio Mazzone, presenta il suo volume di poesie “Radici Perdute” (Kairòs Edizioni, Napoli 2009), libro dalla forte connotazione metaforica delle condizioni e contraddizioni della realtà odierna. L’incontro sarà introdotto e coordinato da Yvonne Carbonaro, critico d’arte e autrice di teatro, narrativa e poesia. Sarà presente l’editore Giovanni Musella.

Il libro. accolto molto favorevolmente dalla critica, è presentato inoltre sabato 28 maggio 2011 alle ore 18,00 nella Sala Consiliare della Municipalità di Venezia, Murano e Burano presso il Centro Civico San Lorenzo, 1° piano – Castello 5065/i, nell’ambito degli incontri con gli scrittori promossi da Spazio Libri dell’Associazione Culturale Olivolo-Auser (circolo.olivolo@gmail.com), in collaborazione con la Municipalità Venezia-Murano-Burano e la libreria Mare di Carta. In tale occasione lo scrittore Federico Moro e la saggista Letizia Lanza introducono il poeta Franco Santamaria e parlano del suo volume “Radici Perdute” (Kairos, napoli). La lettura delle poesie è a cura di Federico Moro.

Breve biografia dell’autore: Franco Santamaria, poeta, scrittore e pittore, è nato a Tursi (Matera), risiede a Poviglio (Reggio Emilia), dopo anni trascorsi a Taranto e a Napoli. Ha pubblicato “Primo lievito” (Gastaldi, Milano; poesie), “Storie di echi” (Ferraro, Napoli; poesie), “Echi ad incastro” (Joker, Novi Ligure; poesie), “Se la catena non si spezza” (Bastogi, Foggia; racconti), “Passaggi d’ombra” (El Taller del Poeta, Spagna; racconti), “Radici Perdute” (Kairòs, Napoli; poesie).
È autore inoltre delle opere inedite su carta, ma in parte pubblicate sul sito www.modulazioni.it: “La mia valle non è l’Eden” (poesie), “Parola e Immagine” (poesia e pittura), “I cavalli di grano” (romanzo), “Pensieri nudi, o quasi” (poesie), “Stigmate viola” (haiku). È presente in riviste e antologie letterarie. Ha conseguito numerosi primi premi sia in concorsi letterari che d’arte; tra i riconoscimenti, la Medaglia della Presidenza della Camera  per “alti meriti culturali”. Come pittore, ha esposto in Italia e all’estero; ha partecipato tra l’altro alla Quarta Biennale Internazionale dell’Arte Contemporanea di Firenze nel 2003.

Share Button

La poetica dello spazio scritto

Share Button

poetica_spazio_scrittoAl Museo Correr di Venezia è in corso la mostra “La poetica dello spazio scritto. Scrittura a mano e calligrafia collettiva di 19 artisti calligrafi europei curata da Monica Dengo e Monica Viero. L’esposizione, che resterà aperta fino al 31 ottobre 2010, accoglie anche i lavori degli studenti che hanno partecipato al corso “Scrivere a Mano Libera” svolto da Monica Dengo autrice dell’articolo dal titolo “Insegnare il corsivo” in uscita in questi giorni nella rivista dell’Aiap “Progetto Gafico n. 18″. Potete vedere il video dell’inaugurazione della mostra e scaricare il testo di introduzione al catalogo al link  http://www.monicadengo.com/290.html. Inoltre vi consiglio di visitare anche gli spazi www.freehandwriting.net/ e http://www.articalligrafiche.it/ dove troverete notizie e informazioni riguardanti il mondo

Share Button

People meet in architecture

Share Button

biennalePresentata presso la Facoltà di Architettura “Valle Giulia” di Roma, la 12° Mostra Internazionale di Architettura di Venezia dal titolo “People meet in architecture”, diretta da Kazuyo Sejima e organizzata dalla Biennale di Venezia, che sarà aperta al pubblico dal 29 agosto al 21 novembre 2010 nei Giardini e Arsenale di Venezia. Numerosi i partecipanti, tra architetti, ingegneri e artisti da tutto il mondo, oltre al nutrito programma di eventi collaterali disseminati in città. All’insegna di una molteplicità visionaria, la Biennale di quest’anno si annuncia ricca di scenari a sorpresa su un’architettura imprescindibile dall’interazione con l’ambiente e le persone. Per maggiori informazioni www.labiennale.org

Share Button