Archivio tag: immaginaria arti visive gallery

Segni e Colori di Katrin Grote-Baker

Share Button

Immaginaria Arti Visive Gallery sabato 6 ottobre 2012, ore 17.30 inaugura in Via Guelfa 22/a r a  Firenze, una personale dell’artista tedesca KATRIN  GROTE-BAKER, Segni e colori.

Cenni biografici sull’artista – Katrin Grote-Baker, artista nata a Zeven, cresciuta a Heeslingen nel Nord della Germania, ha studiato storia dell’arte presso la Humboldt Univ. di Berlino. Vive e lavora tra Germania, U.S.A. e Italia. L’artista è attualmente in visita presso l’Accademia americana a Roma. Il catalogo in mostra è stato realizzato a cura di Susanna Ragionieri. L’esposizione resterà aperta fino al 1 novembre 2012.

…un aspetto del lavoro dell’artista riguarda le tele quasi monocrome, di materia più spessa e chiara, dove l’intervento grafico, deliberatamente minimale, suscita, con il riferimento alla linea dell’orizzonte su cui si alza qualche volume come città lontana, l’allusione a spazi e tempi dilatati,chiamati a condensarsi davanti ai nostri occhi attraverso poche evocative indicazioni…(scripsit Susanna Ragionieri)

Share Button

Il tempo diventa spazio

Share Button

cieloA Firenze, presso Immaginaria Arti Visive Gallery in Via Guelfa 22/r, viene inaugurata la mostra personale dell’artista DEBORA FEDE venerdì 27 luglio alle ore 18.30. Segue alle ore 20,00 un concerto dei Thoreau set. Sarà presente l’artista. L’esposizione resta aperta fino al 3 settembre 2012.

Breve profilo dell’artista:

Debora Fede nasce a Roma (1965), ha vissuto, lavorato ed esposto in molti paesi europei e non: Italia, Spagna, Germania, Turchia, Stati Uniti e Cuba, facendo diventare cosi’ il viaggio un tema costante, quasi uno stile di vita. L’opera di Debora Fede, ogni volta piu’ pulita e nitida e’ una miscela di sentimenti e atmosfere. La sua pittura sempre emozionale e lacerante ha sofferto una trasformazione nel confrontarsi con il temperamento e la cultura tedesca, i quali hanno apportato quiete, serena malinconia e una perfezione tecnica. La sua concezione dell’arte di origine platonica e’ sempre prometeica; si muove sulla direttrice della primordialita’ cosmica per mezzo della pittura informale. Debora Fede ha fatto del silenzio un posto, uno spazio, una forma simbolica di abitarlo, quando tutti e tuttosi avvolgono di silenzio, una specie di estasi delle piccole cose si appropria del suo sguardo, in quel momento e solo in quell’attimo, il mondo o il suo riflesso, si convertono in una stanza tutta per se’, imprescindibile per la creazione. Rivendicare il silenzio, nel suo caso e’ un omaggio a Virginia Woolf. Con lei condivide una soggettivita’ radicale; analitica in un modo distinto, anche questa efficace, cosi’ come una estranea e paradosale poetica bipolare pienamente coerente. La pittura di Debora Fede obbedisce all’ impulso, all’istante, eccede come un’illuminata titanica. Dopo pulisce l’idea, cerca la perfetta luce, la trasparenza esatta. (scripsit Jose’ Romera Diaz).

Share Button

Scompare Maria Pia Pini, fondatrice del “Segno Rosso”

Share Button

maria_pia_piniIl 10 aprile 2012 si è spenta a Cercina (Sesto Fiorentino, Firenze) l’artista e amica Maria Pia Liberia Pini (ved. Vinicio Berti), fondatrice del “Segno Rosso” nel solco dell’astrattismo classico fiorentino.  La commemorazione avviene giovedì 12 aprile alle ore 10,00 a Cercina Vecchia, via Vecchia di Cercina 2 loc. Cercina Sesto Fiorentino (FI). Tutti gli amici della Libreria Einaudi e di Immaginaria Arti Visive Gallery di Firenze si stringono a lei nel ricordo. Tiziana* A lei è dedicata una pagina di questo blog.

E’ possibile aggiungere un pensiero o una testimonianza nella pagina che è a lei dedicata inviando il proprio contributo alla casella di posta elettronica tiziana.fratini@virgilio.it per l’inserimento.

In alto a sinistra: Maria Pia Liberia Pini in una recente occasione (foto di M.Mezzetti).

Share Button