Archivio della categoria: mostra

1475918_676275135727981_219209863_n

FRATINI editore alla Fiera del Libro e della Creatività 2013 di Venturina (Li)

Share Button

FRATINI editore con il suo ventaglio di libri è presente all’edizione 2013 della
Fiera del Libro e della Creatività che si terrà a Venturina (Li) dal 29 novembre al 1° dicembre.

Fondata a Firenze il 16 luglio 2012, la casa editrice FRATINI editore pubblica E-BOOK e volumi cartacei con generi che spaziano dalla narrativa alla saggistica, dalla poesia all’arte, alla musica, accogliendo anche opere rimaste a tutt’oggi inedite nella traduzione in lingua italiana oppure apparse in traduzioni datate, scelte nel novero delle edizioni internazionali. Le Collane delineano più settori di interesse, nel solco di un’editoria di ricerca che non tralascia tipi letterari classici, ma comprende anche categorie di lettura specializzate, come narrativa o saggi di genere e contributi riservati all’Arte moderna e contemporanea. Nel segno dell’arte contempla anche una serie di prodotti cartotecnici esclusivi nella sezione “FuoriCampo”.

All’interno della Fiera, FRATINI editore propone un ricco programma di eventi:

Sabato 30 novembre, ore 15,00
Presentazione del volume Volo su Titano di Stanley Weinbaum

Il volume, disponibile sia in formato cartaceo che digitale, è costituito da 11 racconti, per la maggior parteinediti, di Stanley G. Weinbaum, prolifico autore di fantascienza che ha entusiasmato grandi scrittori quali H.P. Lovecraft, Isaac Asimov e Lester del Rey, ma che è ancora poco noto in Italia.

Il libro inaugura la collana Mellonta Tauta (Queste cose accadranno, dal titolo di un racconto di Edgar Allan Poe), in cui FRATINI Editore si occuperà della letteratura dell’insolito in tutte le sue declinazioni: pulp, gotica e fantastica in senso esteso. Alla presentazione prenderanno parte il traduttore dell’opera Roberto Chiavini e gli altri curatori della collana Mellonta Tauta, Gian Filippo Pizzo, Walter Catalano e Luca Ortino, già impegnati in numerose edizioni dedicate all’insolito. Coordina l’incontro l’addetto stampa Anna Pullia, intervento critico di Maurizio Piccirillo.

Nato a Firenze nel 1964 e proprietario per oltre un decennio di un negozio di giochi, Roberto Chiavini si appassiona fin da giovane alla narrativa fantastica, e dopo la laurea in Lettere classiche, pubblica numerosi volumi sul fantastico e sul cinema, fra gli altri con Gian Filippo Pizzo e Michele Tetro (vincendo tre volte il Premio Italia di fantascienza per il Dizionario dei Personaggi Fantastici, Il grande cinema di fantascienza e Mondi paralleli); autore inoltre di numerosi articoli di genere apparsi su varie riviste e fantine, è creatore e sviluppatore di nuovi giochi da tavolo, di simulazione storica e sportiva, per il mercato anglo-americano.

Sabato 30 novembre, ore 15, 45
Presentazione del CALENDARIO 2014 FRATINI editore L’opera al nudo DIE AKTMALEREI

12 artisti per 12 mesi 12 Künstler für 12 Monate

Progetto a cura di Patrizia Landi
Artisti: Giovanni Galizia, Alessandro Secci, Andrea Lemmi, Roberto Pupi, I Santini Del Prete, Stefano Turrini, Lorenzo Pezzatini, Resmi Al Kakaji, Giampaolo di Cocco, Franco Ionda, Andrea Marini, Luca De Silva. Il corpo nudo dell’artista dialoga ed entra in sinergia con la propria opera. Ogni artista ha scelto liberamente come e quanto mostrare il proprio corpo e come interagire con il proprio lavoro. Il risultato: dodici scatti fotografici in bianco e nero, nei quali ogni artista è stato abbinato a un mese dell’anno in base alla data di nascita o al segno zodiacale.
L’intento è quello di offrire un punto di rottura con stereotipi largamente diffusi riguardanti aspetti del costume e del comportamento umano odierni: dodici nudi, tutti maschili, in controtendenza ai noti calendari in cui si predilige il corpo femminile sempre meno naturale.
Qui la ruga è sinonimo di espressività, così come sinonimo di maturità artistica è il corpo nel quale sono evidenti i segni del tempo.

Patrizia Landi nasce nel 1962 a Firenze, dove vive e lavora. Laureata in Storia dell’arte contemporanea, dall’inizio degli anni ’90 svolge attività di critico d’arte, curatrice di cataloghi, organizzatrice di mostre di arte contemporanea e performances. Lavora sia con gallerie private che con enti pubblici promuovendo in particolare artisti emergenti.

Domenica 1° dicembre, ore 17,30, nello spazio esterno alla Fiera
Angela Kotlar, performance per l’infanzia L’Arte delle Bolle di Sapone

1441513_676453682376793_633609878_nAngela Kotlar nasce a Firenze dove attualmente vive e lavora. L’innata passione per il disegno, la pittura e tutto quello che è creatività la conducono a Porto, in Portogallo, a lavorare come designer di moda nella linea bambini per un’azienda inglese. Trascorre 5 anni tra i borghi portoghesi pieni di allegria e calore umano. Le casette colorate di questi luoghi le danno ispirazione per disegnare con tavolozza e pastelli un modo fantastico, il Pianeta Milù.

Rientrata in Italia, comincia ad occuparsi di performance per l’infanzia, come le bolle di sapone giganti e la pittura del viso. L’incontro con la casa editrice le permette di riprendere il filo della creatività più specificatamente artistica.

Per FRATINI editore ha creato la linea cartotecnica Milù.

Share Button

A Mantova festivaletteratura: per molti ma non per tutti

Share Button

fotoMi succede con la corsa e con la lettura, generalmente mi sento sola, isolata, quando corro e quando leggo. La mosca bianca, quella strana…

Ma quando partecipo a un evento sportivo, che sia una maratona o una corsa locale, scopro mille individui che corrono come me, che amano correre per mantenersi in forma, che amano l’aria aperta.
E in quel momento mi chiedo, ma dov’erano tutti quanti?
Pensavo di essere sola ed invece scopro di far parte di un mondo di individui con cui posso condividere esperienze, o la semplice compagnia.
Un convivio di mosche bianche…

Ho fatto un’esperienza analoga anche in giro per Mantova durante il Festivaletteratura, la manifestazione che si è conclusa domenica scorsa, dove si è registrata la presenza di numerose persone e tutte interessate ai libri, ai racconti, alle storie e ai suoi autori.

Una festa che è stato un piacere puro per gli occhi. Ogni negozio ha attrezzato la sua vetrina con dei libri ed apparso entusiasta nell’ospitare tutti gli appassionati della lettura…

Mantova in festa per i libri e per i suoi autori.

Quando pensiamo ai libri pensiamo ad una attività per pochi eletti e che la maggior parte delle persone ignora e snobba. Ed invece già alle nove di un semplice sabato mattina c’erano persone che ascoltavano gli autori parlare della propria opera, delle vite che hanno toccato e dell’esperienza che li ha portati a scrivere e a raccontare.

E in queste piazze si accumulano storie, vicende e racconti, che si susseguono quasi senza soluzione di continuità.

Un giornalista, ad esempio, ha raccontato dell’incontro con un fotografo e del suo vasto catalogo fotografico di vicende e di protagonisti. In particolare di una foto dell’800, una foto fatta davanti una casa in Argentina, una foto scattata in occasione di una riunione familiare, come può essere solo un matrimonio.
Egli partendo da questa foto si è messo alla ricerca della casa davanti alla quale la foto è stata scattata e in occasione di un viaggio dall’altra parte del mondo, e l’ha trovata.
Ormai nessuna delle persone ritratte nella foto è in vita, anche la casa ha subito modifiche, necessarie a mitigare il passaggio del tempo. Quando osserva bene la casa e la foto, il giornalista nota una fontanella a lato della casa che appare immutata e solida nonostante il passare del tempo, ignara testimone di numerore altre occasioni in cui la famiglia ritratta ha vissuto, amato e cresciuto i propri figli.
La fontanella è ancora li, gli altri non ci sono più.

In un altra occasione, una ragazza ha raccontato, riguardo al contenuto del suo libro, di come a volte delle convenzioni date per scontate, e mutate per cause di forza maggiore creino o forti squilibri e tensioni fra il gruppo che cerca in tutti i modi di mantenere vivi i vecchi meccanismi con il gruppo di persone che invece scelgono di adottare la nuova convenzione e di adattarsi al meglio ad essa al fine di scoprire aspetti nuovi…

Ancora, un musicista ha spiegato l’evoluzione della creazione di pezzi musicali, partendo dalle semplice registrazione di un evento musicale, come accade per la musica sinfonica, fino ad arrivare alla creazione di pezzi totalmente sintetici, che di fatto non sono mai accaduti nel tempo e nello spazio, ma che noi ascoltiamo come reali e che avvengono ogni volta che vengono riprodotti.

La musica che passa dal ricordo di un evento trascorso alla musica che diventa ogni volta in evento a sé unico e irripetibile.

Ho incrociato poi una signora entusiasta per l’acquisto del suo nuovo libro, che era dell’autore da poco sceso da un palco di rappresentanza, la quale sfogliando le pagine, indica all’amica “Guarda, guarda, scrive esattamente come parla…”
Non capisco perché ma questa frase mi ha emozionato, mi ricorda che incontrare un autore è un incontro sentimentale. Quello che dice e quello che racconta, ci aggancia o ci allontana.
Nulla di male, a volte un autore non ci cattura, ma quando ci riesce…

non rimane altro che acquistare il suo libro, perché ci piacerebbe incontrarlo di nuovo e perché desideriamo conoscerlo meglio.

Se non hai avuto modo di conoscerlo al festival, puoi ancora farlo.
Io stessa non ho avuto modo di partecipare a tutti gli eventi, anche perché alcuni sono sovrapposti e perché per motivi di stanchezza non è proprio possibile frequentarli tutti, ma è possibile vederli online anche ora che la manifestazione è terminata.

Alcuni degli incontri più importanti svolti a piazza Castello sono disponibili all’indirizzo:
http://www.telecomitalia.com/tit/it/scrittoriinweb.html

L’incontro con 10 nuovi giovani autori del panorama italiano sono invece disponibili qui:
http://italiax10.telecomitalia.com/

Nel sito www.festivaletteratura.it vi è anche una serie di interviste ad alcuni autori:
http://www.festivaletteratura.it/video.php

Perché ti può piacere il festivaletteratura?
Perché è a misura di uomo, perché ti permette di entrare in contatto con i veri protagonisti che sono gli autori.

A chi non è consigliato.
A chi fa fatica a partecipare…

una voce dalla redazione :-)

Share Button

Rodolfo Tommasi al XXVI Salone del libro – intervista di Tiziana Fratini (4/5)

Share Button

Il critico musicale e letterario Rodolfo Tommasi, autore del saggio “Sotto il pentagramma”, si intrattiene nello stand della casa editrice a conversare su alcuni aspetti della fiera e del suo libro edito anche in formato digitale. Tema principale del saggio la MUSICA e tutto ciò che suggerisce in rapporto alla vita.

Guarda la scheda del libro Sotto il pentagramma di Rodolfo Tommasi sul sito della FRATINI editore.

Share Button