Vestìti di parole

Share Button

vestiti di paroleI libri che leggiamo non sono invisibili, ma appaiono nella vita di tutti i giorni attraverso i nostri comportamenti. Nel modo in cui stringiamo i legami, nel modo in cui risolviamo i problemi e ci confrontiamo con il mondo che ci circonda.

La serie di foto “Vestìti di parole” ha come obiettivo ricordare che indossiamo le parole che abbiamo letto. Sono abiti che portiamo con noi ovunque andiamo, abiti che fanno da tramite fra noi e il mondo che ci circonda.

“Vestìti di parole” è anche un’esortazione a “vestirsi di parole”, di indossare per qualche tempo la vita vissuta e raccontata da un altro essere umano. Vivere per qualche tempo con le scarpe di qualcun’altro anche se non per la classica durata di quattro lune come consigliato dai capi pellerossa.

Il vantaggio è che per comprendere un libro
non devi camminare per tre lune nelle sue scarpe,
è sufficiente sfogliare le sue pagine…

elegia_provincialeVivere la vita  di Giacomo Puccini in Elegia Provinciale ad esempio. La vita di una persona importante e conosciuta non solo nella sua epoca ma anche nella nostra, per scoprire che la vita può toccare chiunque e in qualunque posizione, rendendoci per qualche tempo in balia degli eventi ed attenti alla nostra condizione terrena.
Prova ora a chiederti cosa avresti fatto tu al suo posto, come ti saresti sentito/comportato?

saggezza_marabuO ancora vivere una/due settimane una vita piena di domande, come quella suggerita da La Saggezza del Marabù.
Una sequela di domande e di riflessioni, ma anche di risposte.
Molte delle quali causano un sonoro ‘quattro dita’ sulla fronte, ma perché non ci ho pensato prima io?

Ed ora a te la scelta…
con quali scarpe vuoi camminare nei prossimi giorni?

Share Button

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>