Archivio mensile:febbraio 2012

In Nome Dell’Amore

Share Button

nome_amoreAl Museo Guidi di Forte dè Marmi per la ricorrenza di S.Valentino, festa degli innnamorati, è stata inaugurata in questi giorni la mostra dal titolo “In Nome Dell’Amore” con dipinti e ceramiche del pittore Antonio Barberi, curata da Vittorio Guidi. Tono Zancanaro ha scritto dell’opera di Barberi “…Ma dire che la sua è buona pittura apparentemente e a volte complessa, ricca davvero di quei valori che di buona pittura si può dire che è arte, poesia, proprio, e mi permetto di dirlo con parole tanto fruste – come i cosiddetti specialisti fanno solo quando il gioco è senz’altro ordinaria amministrazione criticità! La tua pittura è il buon risultato di una vita spesa davvero nella costante ricerca di quella semplice verità che è dire una propria buona parola”. L’allestimento delle opere esposte in Via M.Civitali 33 a Vittoria Apuana e presso il Logos Hotel, Via Mazzini 153 Forte dei Marmi è visitabile fino al 7 marzo 2012. Info: museougoguidi@gmail.com

Share Button

Sandro Cabrini. Archetipi del sogno

Share Button

sandro_cabriniE’ stata appena inaugurato nel Lu.C.C.A. Lounge e Underground a Lucca l’allestimento delle figure-simbolo dell’artista milanese Sandro Cabrini “Archetipi del sogno” che intende riportare l’individuo al centro dell’esistenza attraverso l’uso ripetuto di una figura-archetipo inserita in contesti spazio-temporali areali. La personale curata da Maurizio Vanni è visitabile fino al 18 marzo 2012.   La mostra si compone di ventisei lavori, tra cui i collage “total white” che utilizzano come supporto la carta cotone indiana e le sculture in ferro e legno, per far riprendere coscienza all’uomo della sua identità e della sua libertà di scelta. Un sogno ad occhi aperti che può tornare a diventare realtà se solo decidessimo di rimetterci in gioco completamente. “I contesti delle opere di Cabrini – scrive il curatore Maurizio Vanni – sono sempre privi di riferimenti spazio-temporali, scollegati da contesti precisi e ogni persona può caratterizzarli e completarli attraverso un’interazione cerebrale. Le istallazioni sono vere e proprie occupazioni di spazi, contaminazioni architettoniche che corrispondono alla precisa volontà di stimolare le persone a riappropriarsi del proprio libero arbitrio tornando ad essere artefici del proprio destino, consapevoli che i lucidi sogni, se supportati dalla determinazione di colui che li esprime, possono essere rincorsi e afferrati”. Le sue figure-archetipo, che tanto assomigliano a quelle stilizzate dai bambini, sono al centro del suo racconto, protagoniste indiscusse del palinsesto in cui sono inserite per ricordarci qual è il nostro percorso di vita.  I temi della mostra saranno poi approfonditi insieme all’artista e al curatore venerdì 24 febbraio 2012, alle ore 18, in un talk show sugli Archetipi del Sogno che si terrà nella hall del Lu.C.C.A. Dal 20 febbraio fino alla chiusura della mostra, Cabrini terrà anche un workshop a Lucca nella Scuola Primaria “Giovanni Pascoli”, che coinvolgerà 250 allievi sul tema delle identità.

Note biografiche

sandro_cabrini_2Architetto e graphic designer per clienti internazionali, Sandro Cabrini (Milano, 1948) coniuga da sempre l’attività pittorica con esperienze professionali nel settore della comunicazione, investigando le diverse forme di espressione simbolica. Incontra giovanissimo le opere di Klee, Kandinsky, Matisse, Mondrian e Picasso, dai quali apprende la passione per i colori forti, primari, che ripropone nei suoi soggetti astratti e figurati. Dagli anni Ottanta, ha esposto le sue opere a Milano, Orvieto, Torino, Ginevra, New York, Chicago, Houston, Miami e San Pietroburgo. Oggi, i bordi di carta bianca strappati, così come la materia arrugginita delle vecchie travi e putrelle, rappresentano un nuovo mezzo espressivo per le sue figure-prototipo: in equilibrio su un piede solo, instabili eppure sempre in movimento, alla conquista di affermazione e crescita personali. www.sandrocabrini.com

sandro_cabrini_3

Lu.C.C.A. – Lucca Center of Contemporary Art
Via della Fratta, 36 – Lucca
tel. +39 0583 571712 

Orario mostra:
dal martedì alla domenica 10 – 19
lunedì chiuso
Ingresso libero

www.luccamuseum.com  info@luccamuseum.com

Share Button

De prospectiva pingendi di Piero della Francesca

Share Button

de_prospettivaAloa in collaborazione con Aboca e con il patrocinio dell’ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Roma e provincia, giovedì 16 febbraio ore 17.00 presso l’Acquario Romano, P.zza Manfredo Fanti, 47 a Roma, presenta il facsimile del manoscritto inedito “De prospectiva pingendi” di Piero della Francesca. Lezioni inedite di pittura del Maestro di Borgo San Sepolcro. Introduce Tommaso Empler, presidente di Aloa con la partecipazione di numerosi docenti universitari ed esperti. Con l’occasione sarà presentata la cartella IL CRISTO RISORTO DI PIERO. Immagini rare e desuete. Ai partecipanti sarà dato in omaggio il libro “Etruschi. Il privilegio della bellezza” (Aboca Edizioni).

Clicca qui per scaricare l’invito De prospectiva pingendi

Info: ufficiostampa@aboca.it

Share Button