Archivio mensile:luglio 2011

Da Peccioli a Forte dei Marmi

Share Button

peccioliIl Museo Ugo Guidi e e gli Amici del Museo Ugo Guidi Onlus inaugurano martedì 2 agosto, ore 21.30 la mostra organizzata e curata dalla Fondazione Peccioliper del comune di Peccioli dal titolo Da Peccioli a Forte dei Marmi. La Collezione Incisioni Litografie – Donazione Vito Merlini incontra il Museo Guidi”. con opere di Giuseppe Viviani – Ugo Guidi – Marino Marini – Giorgio De Chirico – Carla Accardi – Emilio vedova – Mino Trafeli – Francisco Goya – Giuliano Vangi – Arturo Carmassi – Ibrahim Kodra – Sebastian Matta – Emilio Greco – Giacomo Manzù – Luigi Bartolini – Salvatore Fiume – Enrico Baj – Domenico Cantatore – Carlo Carrà – Franco Gentilini – Valerio Adami – Sandro Chia – Giò Pomodoro. La mostra che è occasione di dialogo tra i lavori di Ugo Guidi e i grandi maestri del XX secolo presenti nella Donazione Merlini, alla scoperta di inaspettate corrispondenze tematiche e stilistiche ma anche di diverse soluzioni formali, resta aperta fino al 31 agosto 2011. L’esposizione allestita nel Museo Ugo Guidi (MUG) di Forte dei Marmi, Via M.Civitali 33 a Vittoria Apuana sarà visitabile tutti i giorni dalle 17.30 alle 20.30 ad ingresso libero.

La serata di inaugurazione sarà allietata dalla musica e dal violino del maestro Roberto Cecchetti.

Foto in alto a sinistra: Cavalli di Ugo Guidi e Marino Marini.

Segreteria Organizzativa: Peccioli – tel. 0587 672158 fax 0587 670831 info@fondarte.peccioli.net      www.fondarte.peccioli.net

Museo Ugo Guidi – Info: 348 3020538 museougoguidi@gmail.com

Share Button

AltraMusica con il viaggio in terra di Toscana

Share Button

altramusicaIl gruppo musicale popolare toscano Altramusica presenta ” Il Viaggio, racconti e musiche in terra di Toscana” lunedì 8 agosto ore 21,00 presso il Giardino del convento dei francescani a Borgo a Mozzano (Lucca).
Il team artistico è composto da  Luca Gherardi, cornamusa, gironda, fisarmonica, flauti, percussioni.
Fabrizio Gronchi, fisarmonica, percussioni, voce e Pietrolino Grandi, chitarra, mandolino, bouzuki irlandese, percussioni, voce. I tre componenti del gruppo compiono nel loro spettacolo un viaggio immaginario, fuori dal tempo, dove tutte le epoche si confondono. Guidati da Virgilio, un frate questuante, ripercorrono, camminando alla maniera dei viandanti di una volta, le varie tappe. Il viaggio inizia presso il mitico e antichissimo Ponte del Diavolo, a Borgo a Mozzano, nella provincia di Lucca, dove avviene l’incontro tra l’uomo della cornamusa, proveniente dalle terre del nord, e Fra Menico da Cutigliano. Strada facendo essi incontrano a loro volta, l’uomo del mandolino e anche quello della fisarmonica. Passando attraverso numerose località toscane Montecarlo, Calci, Montelopio, Volterra, San Gimignano, Certaldo, Siena, San Galgano e vivendo situazioni spesso boccaccesche, nostalgiche e anche mistiche, raggiungono poi la meta finale, Massa Marittima, in provincia di Grosseto. Lo spettacolo nello spiegarsi del racconto, si arricchisce sia di canzoni tratte dalla tradizione folcloristica toscana che da musiche celtiche di ben altra origine nordica ed europea.

Brevi cenni biografici sul team di Altramusica
Luca Gherardi. Musicista poliedrico, organista, clavicembalista, musicoterapeuta è docente di educazione musicale. Liutaio, costruisce prevalentemente strumenti medievali e restaura strumenti musicali antichi emoderni. Suona molti strumenti della tradizione popolare quali, la cornamusa, la ghironda, vari flauti a becco, l’ocarina, le percussioni e la fisarmonica.
Fabrizio Gronchi. Fisarmonicista, pianista e cantante è docente di fisarmonica in varie scuole della Toscana. Pietro Lino Grandi. Suonatore di mandolino, di bouzuki irlandese e chitarra con cui si accompagna nel canto. Il suo stile è cantare canzoni della tradizione, intercalandole cin aneddoti, burle e facezie, prosa e poesia. Appassionato di tradizioni popolari è direttore artistico del gruppo teatrale “Bel Castello” che si occupa del recupero del canto tradizionale, della poesia invernacolo, di satire, racconti, fole, filastrocche. Punta di diamante il Maggio Drammatico, il teatro popolare ed il Bruscello teatro popolare comico carnascialesco. Organizza laboratori di tradizioni popolari nella scuola primaria.

Per contatti con Altramusica, che ha nel suo palinsesto artistico numerosi programmi e spettacoli  da proporre, rivolgersi a Pietro Lino Grandi: pietrolino.g@alice.it

Foto in alto a sinistra: Il gruppo di Altramusica alla trasmissione televisiva “La prova del cuoco” con Elisa Isoardi.

Share Button

Ballroom stories

Share Button

ballroom_storiesBallroom stories è la mostra-evento organizzata dalla Galleria Tornabuoni di Firenze che viene inaugurata oggi 23 luglio, ore 19.00 , presso i Magazzini Lisabetta Salviati dei Marchesi Centurione Scotto, all’interno della proprietà Duchi Salviati a Migliarino di Pisa (Vecchiano). La mostra  personale di Francesco Chiacchio, curata da Sonia Zampini, già dal titolo evoca una dimensione in cui l’arte sembra snodarsi tra le fila di un racconto anzi di più racconti che prendono corpo dallo stesso spazio espositivo, inteso proprio come una sala da ballo, con evocazioni e suggestioni tipiche degli anni ‘30, quando, in quei luoghi, la vita, il tempo, le storie personali e collettive, venivano scandite a ritmo di Jazz. Sono storie intrise di nero, di una musica che racconta la sua anima scura, così come è l’anima delle immagini esposte, disegnate direttamente dall’artista-illustratore Francesco C., su grandi manifesti prelevati direttamente dalla strada, dipinti e posti, ora, come unica voce narrante, a raccontare la storia di strade e di genti, attraverso linee che delimitano contorni di strumenti musicali e sagome di musicisti, come di ballerini. Nascono allora immagini di musicisti jazz e del loro dialogo sonoro con il proprio contrabbasso o pianoforte, quasi a farci percepire l’intensità della loro musica che muove i passi di altre grandi immagini di ballerini, dove il suono, la danza, gli strumenti descrivono accordi musicali come fossero parole. A sottolineare questa atmosfera, in bilico tra il valore estetico delle forme rappresentate e quello narrativo della loro suggestione sonora, l’inaugurazione della mostra sarà accompagnata da un concerto Jazz diretto da Simone Tecla e il suo gruppo (notizia di Sonia Zampini)

Per arrivare alla sede espositiva seguite le indicazioni della mappa che troverete cliccando sul link sottostante:
Repère sur le plan

Cenni biografici sull’artista

Francesco Chiacchio è nato a Fiesole nel 1981 e vive a Firenze dove divide spesso un foglio con l’ombra di una matita.
Ha illustrato libri, tra cui ricordiamo: 90 secondi all’inferno. Storie jazz di Gianluca Monastra e Massimo Basile (2007, Luciano Vanni Editore); Dall’Atlante agli Appennini di Maria Attanasio (2008, Orecchio Acerbo) –cover di cd e ha, inoltre, scritto alcune storie a fumetti, tra cui:  Miracolo a Polignano nell’antologia Gli intrusi; Appunti da una terra vicina (2007, Coconino Press); Ash nel numero 9 di BLACK (2008, Coconino Press) – e ha disegnato molti manifesti per il teatro.
Nel 2009 alcuni suoi disegni hanno illustrato interamente il numero 114/115 di: Lo straniero, rivista fondata e diretta da Goffredo Fofi. Nello stesso anno ha realizzato una serie di illustrazioni per la Malcolm X Suite composta da Francesco Bearzatti per il suo Tinissima Quartet, progetto multimediale con proiezioni dal vivo.
Nel 2010 ha partecipato alla IX edizione di Futuro Anteriore, mostra sul presente del fumetto italiano curata da Michele Ginevra ed Emiliano Rabuiti.
Attualmente collabora con la Repubblica come illustratore per le pagine della cultura di Firenze.

Share Button