Argentina ed Europa al Museo Ugo Guidi

Share Button

argentina_museo_guidiIl Museo Ugo Guidi di Forte dei Marmi (Lucca) e gli Amici del Museo Ugo Guidi Onlus, per la Settimana della Cultura indetta dal Ministero dei Beni artistici e culturali, presentano la mostra dell’artista Julio Silva dal titolo “Di-segno Silv(a)estro” La pittura di Julio Silva, la narrativa di Julio Cortázar e la poesia di Saúl Yurkievich si intrecciano nella cultura argentina e in quella europea (a cura e presentazione di M.G.Gigli e E.Frediani, con lettura di poesie). La mostra allestita nel Museo Ugo Guidi di Forte dei Marmi in Via M.Civitali 33 a Vittoria Apuana e presso il Logos Hotel -Via Mazzini 153 Forte dei Marmi, sarà inaugurata Sabato 27 marzo alle ore 17 al MUG e durerà fino al 29 aprile.

Clicca per scaricate l’invito per la vernissage dal blog.

Enrica Frediani, la curatrice della mostra, scrive: “La mostra si presenta con un titolo che riassume e sintetizza l’essenza creativa del maestro argentino. Il segno come elemento determinante, unico e inconfondibile è l’ossatura di un figurativo geometrizzato e fantastico che si risolve in una creatività, l’estro, caratterizzata da vicace cromatismo e contrastanti tonalità di bianchi e di neri. Silv(a)estro racchiude anche il cognome dell’artista, ma l’aggettivo silvestro è un’allusione alla fitta selva di segni, colori e riferimenti simbolici che dominano le sue tele. In mostra opere quali testimonianze di viaggi effettuati dall’artista nel reale o nell’immaginifico mondo fantastico della fabula. Escursioni della memoria indagata tra le rues parisiennes con l’amico Julio Cortázar (scrittore) e Saúl Yurkievich (poeta) o nelle notti toranesi trascorse tra le mura della casa alle fonti del Pizzutello. Luoghi e culture dunque che testimoniano le tappe di un girovagare intorno al mondo di cui Silva interpreta un’umanità colta nell’accadimento del dramma triste della vita, dove i personaggi manifestano un esistenzialismo dai toni profondi e malinconici stemperati dalla sottile ironia che alberga nell’animo dell’autore velato di tenera nostalgia per la terra natia”.

Per maggiori informazioni www.ugoguidi.it  Visite su appuntamento: 348/3020538 o museougoguidi@gmail.com

Share Button

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>